Un regalo più grande non potevi farmi, uno zampillo d’acqua fresca dopo giorni e giorni in un deserto che sai bene quanto arido. Sarò all’altezza di questo dono, lo prometto a me stessa.
Etty Hillesum

Se sarete quello che dovete essere, metterete fuoco in tutto il mondo!
Caterina da Siena

domenica 24 dicembre 2017

LA LIBERTÀ DI UNA DURATURA RELAZIONE D'AMORE

AVVENTO
4a settimana, Domenica (Anno B) 


L'Annunciazione è il punto di svolta nella storia umana perché è il momento in cui il Verbo si è fatto carne nel seno di Maria. È allo stesso tempo il compimento della gioia dell'Antico Testamento e l'inizio della grazia del Nuovo Testamento. Il saluto dell'angelo a Maria, 'Rallegrati, prescelta', 'ti saluto, piena di grazia', include sia gioia, chara che grazia, charis. Nello stesso momento, le grandi gioie di cui si parla nelle Scritture ebraiche si realizzano mentre la nuova grazia della realtà cristiana diventa realtà.

Quali erano le grandi gioie di cui parlavano le scritture ebraiche? Una era la gioia di una donna sterile che scopriva che avrebbe avuto un figlio. Tale era Sara, l'anziana moglie di Abramo, che partorì Isacco, il bambino che assicurò l'adempimento delle promesse di Dio. Tali erano la madre di Sansone e Anna la madre di Samuele ed Elisabetta la madre di Giovanni il Battista.

I profeti di Israele hanno usato questa immagine del luogo arido che prende vita, la terra asciutta e sterile in cui appare l'acqua e la vita prospera (Isaia 41). Dio salva trasformando i luoghi aridi in terreno fertile. Maria dice all'angelo: "Come avverrà questo, poichè sono vergine?" Ecco un diverso tipo di infertilità, una concezione ancora più straordinaria di quella di Samuele o di Giovanni Battista. Qui, senza alcuna violenza o intrusione nella sua creazione, il potere creativo di Dio porta in essere la natura umana che l'eterno Figlio di Dio ha assunto.

Un altro grande momento di gioia è la gioia di stare alla presenza di Dio. L'esempio più eclatante di questo è la danza del Re David mentre accoglieva l'Arca dell'Alleanza a Gerusalemme. Sua moglie, osservando da una finestra, non era divertita al pensiero che suo marito si fosse tolto i vestiti per disonorarsi di fronte ai domestici. Ciò nonostante, la gioia di Davide era sfrenata, una gioia traboccante perché Dio era in mezzo al suo popolo (2 Samuele 6).

I profeti parlano anche di questo. Sofonia, per esempio, dice: "Rallegrati per il Signore che è in mezzo a te, il tuo Dio, il Santo di Israele". Si spinge fino al punto di parlare di Dio che balla di gioia alla presenza del suo popolo, l'immagine speculare di Davide alla presenza dell'Arca (Sofonia 3). L'angelo Gabriele dice a Maria 'esulta perché il Signore è in mezzo a te'. Dio è con noi in un modo nuovo e straordinario: come non essere gioiosi?

Una terza grande esperienza di gioia nella Bibbia è la liberazione degli schiavi. Il momento decisivo nella storia della relazione tra gli ebrei e il loro Dio è la traversata del Mar Rosso. Il Signore li ha portati fuori dalla terra d'Egitto e li ha condotti dal luogo in cui erano stati schiavi in ??un luogo di libertà, una terra dove scorreva latte e miele.

Anche questa gioia è contenuta nell'Annunciazione, poiché il bambino che nascerà da Maria sarà chiamato Gesù. Questo è il nome di Giosuè, che alla fine condusse il popolo attraverso il Giordano nella Terra Promessa. Il bambino nato da Maria è il nuovo Giosuè, che salva il suo popolo dai suoi peccati e li conduce nel Regno di Dio.

Gioia che la sterile sia ora feconda. Gioia che il Signore sia in mezzo a noi. Gioia che la schiavitù sia finita e la libertà stabilita. A ciò si aggiunge un ultimo momento di grande gioia, quello del rinnovo dell'alleanza. Il popolo peccò ripetutamente, ma altrettanto spesso Dio offrì loro un patto e insegnò loro a sperare nella salvezza. La nuova alleanza il cui primo atto è l'annuncio a Maria è quella predetta da Geremia, un'alleanza eterna che suggella l'amore eterno con cui Dio ci ama (Geremia 36 e Isaia 54).

La grazia annunciata qui è la vita alla presenza di Dio, la libertà in una duratura relazione d'amore con Dio. È il momento in cui inizia la nuova creazione. Ed ecco un'ultima, gioiosa meraviglia. Nella prima creazione l'unico a parlare era Dio. "Sia la luce", disse, "e la luce fu" (Genesi 1). Ma nella nuova creazione appare una nuova grazia in quanto Dio permette alle sue creature umane di partecipare all'opera che sta facendo per loro. 'Avvenga di me quello che hai detto', dice Maria. Questo è il più notevole mistero di grazia, che Dio che viene per salvarci ci dà la vittoria. È uno di noi - il Figlio di Maria, nostro fratello, Gesù Cristo - che ha raggiunto la salvezza per noi. Lui è veramente la nostra gioia e la nostra grazia.

L'Annunciazione è un momento in cui apprendiamo molto sulle transizioni, su come possiamo mettere in relazione un futuro inaspettato e sorprendente con un passato apprezzato e amato. In questa transizione straordinaria, Maria non è una bambina ingenua: talora le è stato reso un cattivo servizio ritraendola in quel modo. È "piena di grazia", ??e quindi è piena di saggezza e amore. L'angelo le dice che Dio si è ricordato di lei: "Hai trovato grazia presso Dio", le dice, Dio non ti ha dimenticato e tu non sei caduta al di fuori delle cure di Dio.


Nella cattedrale di Ratisbona c'è una meravigliosa rappresentazione dell' Annunciazione. Da un lato del corridoio si trova Gabriele che sta ridendo mentre guarda, dall'altra parte, Maria. Si vedono i suoi denti - strano che un angelo debba avere i denti! - e in origine teneva in mano una statua del Bambino Divino, proteso verso Maria, come per dire "guarda cosa ho per te"! Molte persone visitano la Cattedrale di Ratisbona solo per vedere questo angelo che ride.

Maria, dall'altra parte della navata, è più seria, con una mano alzata come per dire "aspetta un minuto", mentre nell'altra mano c'è un libro. Pensiamo a quanto spesso Maria è rappresentata nell'Annunciazione mentre tiene un libro, o legge un libro o ha un libro da qualche parte nelle vicinanze. Possiamo capire l'atteggiamento di Maria in questa statua, come se dicesse: 'Aiutami a comprendere come ciò che mi hai appena annunciato si adatti a ciò che già so riguardo i rapporti di Dio con noi e le sue promesse per noi'. Il libro deve essere considerato come la Scrittura, la sua conoscenza e la comprensione della Parola di Dio finora. Ci viene detto che "dialoga" con se stessa mentre dialoga con l'angelo, chiedendogli di aiutarla a capire la transizione: come questa nuova cosa, questo futuro inaspettato, concorda con un passato importante? All'inizio non sembra il compimento di quel passato, ma lei crede che lo sia ("beata colei che ha creduto all'adempimento delle promesse del Signore").

E così nasce una gioia nuova e inimmaginabile, una presenza di Dio con il suo popolo che non  si sarebbe mai potuto prevedere e un'intimità tra Dio e il suo popolo che noi ancora facciamo fatica a comprendere. I "principi di verifica" di Maria, se possiamo esprimerci in questo modo, sono saggezza e amore. Deve essere così perché è piena di grazia. È la saggezza che chiamiamo fede, insieme al suo amore per il suo Signore che la porta attraverso questa strana transizione, che la spinge ad accettare la nuova e sorprendente cosa che Dio ora vuole fare per il Suo popolo. Crediamo che Dio voglia sempre fare cose nuove e sorprendenti per il suo popolo, perché questo è ciò che significa la grazia e questa è la natura di Dio. Impariamo da Maria come ricevere la grazia, come permettere alla Parola di nascere in noi e nel nostro mondo. Ciò avviene sempre e solo per fede e amore. E la nostra gioia è completa.

Nessun commento:

Posta un commento