Un regalo più grande non potevi farmi, uno zampillo d’acqua fresca dopo giorni e giorni in un deserto che sai bene quanto arido. Sarò all’altezza di questo dono, lo prometto a me stessa.
Etty Hillesum

Se sarete quello che dovete essere, metterete fuoco in tutto il mondo!
Caterina da Siena

domenica 10 dicembre 2017

LA VERA, IRRESISTIBILE BELLEZZA

AVVENTO - 2° Settimana, Domenica (Anno B)



Può essere difficile spiegare, soprattutto a chi è scettico, perché la fede cristiana continui a "prenderci". Una delle ragioni per cui è difficile parlarne è perché è una questione di cuore umano, una questione su dove siamo attratti per donare il nostro cuore. C'è una naturale modestia nel rivelare i nostri cuori a troppe persone e certamente non ci piace farlo nei luoghi pubblici. C'è qualcosa di molto triste in quei programmi televisivi in ​​cui le persone sentono che devono parlare dell'intimità della loro vita a un pubblico enorme. Esiste un'appropriata e virtuosa modestia su ogni "affare di cuore". Nella prima lettura di oggi Dio ordina al profeta Isaia "di parlare al cuore di Gerusalemme" (Isaia 40,2). Un'ulteriore complicazione nel parlare della nostra comprensione della chiamata a seguire Cristo sta nel fatto che ciò ha a che fare non solo con il cuore umano, ma anche con quel cuore nella sua relazione con Dio. Dio stesso è sempre, e sempre più, misterioso per noi. Non dovrebbe sorprendere, quindi, se troviamo difficile essere eloquenti sulle Sue vie con noi, sul coinvolgimento con Lui nel quale Dio ci ha guidati, su ciò che Dio ha fatto con i nostri cuori.

Alcuni dei primi insegnanti cristiani, poiché la loro lingua era greca, notarono una connessione tra il termine "call" (=chiamare), kaleo e il termine "beauty" (=bellezza), kallos. Anche se non si presenta in inglese, è una connessione utile nel cercare di capire il senso di essere chiamati all'esperienza di essere credenti. È come essere attirati o attratti da qualcuno o qualcosa. Sappiamo che l'attrattiva di ciò che è bello è innegabile e irresistibile. Questo è vero non solo per le persone che troviamo belle, ma anche per l'arte (le immagini che guardiamo ripetutamente), la musica (i brani che ascoltiamo mille volte), i paesaggi (parti del Paese che non ci stancheremo mai di visitare ), e così via.

Uno di questi primi scrittori cristiani afferma che Dio è giustamente chiamato bellezza perché "la bellezza rivolge tutte le cose a sé e raccoglie tutto in sé" (Pseudo-Dionigi, Nomi divini IV.7). È perché c'è qualcosa di bello nella figura e nell'insegnamento di Cristo che le persone sono attratte a cercare di seguirlo e che continuano ad andare avanti nonostante molte difficoltà. L'offerta o il richiamo della bellezza non è invadente, aggressivo o violento. Non è un'imposizione che ci costringe ad andare in una direzione verso la quale preferiremmo non andare. Ma è innegabile e irresistibile, non poco potente visto il modo in cui opera.

Possiamo trovare poca bellezza nella figura e nella predicazione di Giovanni il Battista. Il suo è uno stile di vita strano. Punta il dito verso i nostri peccati e il nostro bisogno di pentimento. Verso il modo in cui noi non siamo all'altezza della bontà e della bellezza della santità di Dio. Ma per i cristiani egli è solo il precursore, viene ad annunciare l'arrivo di Cristo. Giovanni non è la luce ma colui che ci indica la luce. 'Io vi battezzo con acqua', dice, 'ma (colui che viene dopo di me) vi battezzerà con lo Spirito Santo' (Marco 1,8).

La luce, ovviamente, è Gesù. È colui cui il Battista rende testimonianza. Gesù è "la consolazione di Gerusalemme" e la definitiva rivelazione della gloria di Dio. È colui per cui siamo chiamati (attratti) per gridare: "Ecco il nostro Dio (Isaia 40: 9)". Crediamo che Gesù sia la bellezza di Dio fatta carne. Semplicemente in virtù di ciò che è, e di ciò che significa, ci invita a venire dietro di lui, a seguirlo e a condividere le sue vie. Egli "ci chiama" a diventare come lui e - il più profondo dei misteri che insegniamo - a condividere la sua vita divina, diventando partecipi della sua natura divina.

La vera bellezza dell'Avvento e del Natale non sono le graziose decorazioni che aggiungiamo all'esterno delle nostre vite, ma la chiamata radicale implicita nella nascita di questo bambino, che è il Figlio Eterno del Padre Celeste. Come possiamo relazionarci con questa "luce del mondo"? Che cosa dobbiamo fare di questo "mittente dello Spirito"? Qual è la nostra risposta alla sfida che ci offre? Naturalmente continuiamo ad attendere l'adempimento delle sue promesse in quel "luogo in cui la rettitudine sarà a casa", come dice la seconda lettura di oggi (2 Pietro 3,13). Ma nel frattempo siamo tutti chiamati a dare le nostre vite per costruire il suo regno di giustizia e gloria, dove la misericordia e la fedeltà si incontrano, e dove la giustizia e la pace si abbracciano. Questa è la visione, o chiamata, della bellezza che sostiene la nostra fede e la nostra speranza.


Nessun commento:

Posta un commento